Giuseppe Zanotti, Tra i Prati di Vigna e gli Spiazzi dell’acqua

Giuseppe Zanotti, Tra i Prati di Vigna e gli Spiazzi dell’acqua

letture commenti autocritica critica Poesia scritture
banner uomo addormentato Ultima modifica: 21-01-2014

> Home > Gli ospiti > Paola Loreto

Tra i Prati di Vigna e gli Spiazzi dell’acqua
C’è sto fiume che è un nastro scarlatto
impigliato tra i sassi - sassi bruni
sassi gialli sassi tondi sassi belli -
e che parla - Dio solo sa quanto parla -
e mi placa. Mi prende l’anima
l’avvolge in un fagotto e l’appoggia
sotto il pino sul suo bordo, piano.
Vuole che ascolto e sto per sempre
mentre scorre senza noia, perché il tempo
è pieno e non lo sento e non son sola.