Giuseppe Zanotti, Natura morta e viva

Giuseppe Zanotti, Natura morta e viva

commenti autocritica critica Poesia scritture letture
banner uomo addormentato Ultima modifica: 21-01-2014

> Home > Gli ospiti > Paola Loreto

Natura morta e viva
E poi c’è quest’acqua che ha un colore
che non so dire, e scorre sotto strati
di ghiaccio, cornici di ghiaccio, sporcate
dal giallo impolverato e canuto
degli aghi di larice odorosi
e caduchi. Sarebbe, in principio,
la morte, e invece è vita che
corre, continua ad andare,
gorgoglia nel riso della voce e
la senti che ti scende fresca
nella gola e ti piace. È il freddo
che credevi di temere
e invece ami, rincorri.